Categoria: Conferenze

7 febbraio 2020 – COSIMO I DE’ MEDICI E LA POLITICA DELLE ACQUE NELLA TERRA D’EMPOLI (1550-1583)

Venerdì 7 febbraio 2020 alle ore 17:00

   presso la sala delle Adunanze della Misericordia di Empoli

(Via Cavour, 34 – 35)

si terrà la conferenza di Paolo Santini

Cosimo I de’ Medici e la politica delle acque nella terra d’Empoli

(1550-1583)

Arno Vecchio: la storia di una grande trasformazione territoriale

 

Se nella zona di Arno vecchio verdeggia ancora il pampano e svetta l’olmo, per dirla con le parole di Vincenzo Chiarugi certamente il merito è della grande opera di bonifica effettuata nella seconda metà del Cinquecento con il taglio del meandro del fiume voluto da Cosimo I per costituire, attraverso una lenta ma incisiva operazione di colmata la fattoria granducale della Tinaia, una proprietà che occupava gran parte delle terre a confine con Montelupo dove i Medici possedevano già le ville dell’Ambrogiana e di Sammontana. Trampolino di lancio per il Montalbano, situato proprio lì davanti, con i suoi boschi e la sua selvaggina. Dalla seconda metà degli anni cinquanta del Cinquecento e fino almeno al 1583 si susseguono incessanti comandate di uomini e animali, e “divieti per la zona”, che dal “taglio di Limite a La Tinaia a Cortenuova”, diventava proprietà medicea e vietata alla popolazione, progressivamente messa a coltura e appoderata secondo uno schema geometrico di fossi di scolo con la realizzazione di una nuova strada “lungo il letto vecchio d’Arno”. Un lavoro pubblico grandioso che andava a realizzare una fattoria fino allora inesistente e sarebbe divenuta di proprietà principesca. Artefice di questa operazione, il Duca Cosimo I de’ Medici e i suoi fidi ingegneri. Girolamo di Pace, ingegnere al servizio di Cosimo I e per lungo tempo impegnato nel lavoro a fianco della magistratura dei capitani di parte guelfa, (magistratura con competenze di controllo e gestione sulle costruzioni militari, sulla viabilità e sulla regimazione fluviale nel territorio del Ducato), almeno dal marzo del 1550 fino al 29 ottobre 1562, giorno in cui morì, nel 1545 compie una serie di sopralluoghi sul corso del fiume risalendolo da Pisa fino a Signa, e compilando una relazione molto dettagliata sui luoghi osservati e sugli eventuali lavori da proporre. Le indicazioni del di Pace furono uno dei fattori determinanti alla base della decisione di Cosimo I sulla realizzazione del taglio di Arno Vecchio e la conseguente realizzazione della fattoria medicea della Tinaia.

Venerdì 7 febbraio 2020 racconteremo la storia avventurosa di questa grande opera.

 

SEGUI L’EVENTO SU FACEBOOK

 

6 dicembre 2019 – CARLO BATTISTI LINGUISTA E BIBLIOTECARIO STUDI E TESTIMONIANZE

Venerdì 6 dicembre 2019

alle ore 17:00 presso il Cenacolo degli Agostiniani di Empoli

Tutta la cittadinanza è invitata alla presentazione del volume

 Carlo Battisti linguista e bibliotecario. Studi e testimonianze

parlano

Mauro Guerrini, Università degli Studi di Firenze 

Alessandro Parenti, Università degli Studi di Trento

Fabrizio Leonardelli, Biblioteca comunale di Trento

Introduce Giulia Terreni, assessore alla Cultura del Comune di Empoli

Carlo Battisti (Trento 1882-Empoli 1977) è stato uno dei maggiori linguisti italiani ed è entrato nella storia del cinema come protagonista del film Umberto D. di Vittorio De Sica. La sua lunga e intensissima attività fu per larghi tratti divisa fra la linguistica e la biblioteconomia, fin dagli esordi all’Università di Vienna. A Firenze Battisti ha insegnato Storia comparata delle lingue romanze e Biblioteconomia e Bibliografia alla Scuola per bibliotecari e archivisti paleografi, di cui fu anche direttore.

Durante l’incontro sarà proiettato il documentario di Carlo Battisti Il Catinaccio, recentemente restaurato da Silvio Celli

 

Battisti_locandina

 

SCARICA LE SLIDE DELLA CONFERENZA:

Battisti_Carlo_Mauro_Guerrini_nov_2019

8 novembre 2019 – EMPOLI URBANISTICA E IMPRENDITORIA STRATEGIE PER UNO SVILUPPO DEL BENESSERE

Siete tutte e tutti invitate e invitati venerdì 8 novembre alle ore 17:00 presso la sala delle Adunanze della Misericordia di Empoli per la conferenza EMPOLI URBANISTICA E IMPRENDITORIA. STRATEGIE PER UNO SVILUPPO DEL BENESSERE.

Relatori:

Vincenzo Mollica

Architetto e fotografo, lettore, scrittore, commentatore, appassionato di temi urbani.

Chiara Chiari

Laureata in Pianificazione Territoriale della Città e del Territorio. Specializzazione in Benessere e Felicità Urbana.

Elena Valori

Architetto con specializzazione in riqualificazione energetica e modellazione 3D. Copywriting per blog di architettura.

 
 
SCARICA LE SLIDE DELLA CONFERENZA :
 

4 ottobre 2019 – Giovanni Matteoli e Dario Parrini discutono con Carlo Baccetti

Venerdì 4 ottobre 2019, alle ore 17:00 presso la sala delle Adunanze della Misericordia di Empoli (Via Cavour, 34 – 35)

Giovanni Matteoli e Dario Parrini
discutono con Carlo Baccetti sulla

Storia politica di Empoli nel Secondo dopoguerra

Introduce Giulia Terreni, assessore alla cultura del Comune di Empoli

La conferenza ci porta a ragionare su un passaggio decisivo della storia politica di Empoli nel Secondo dopoguerra: il rapporto tra movimenti e governo locale, visto dal banco di prova della politica culturale. I nuovi soggetti sociali comparsi dopo il ’68 riuscirono a stimolare l’agire dei Comuni? Quali furono le risposte del sistema politico locale alle esigenze della società civile? La politica culturale viene assunta come caso esemplare della capacità delle amministrazioni locali di recepire la domanda di nuovi valori “postmaterialistici” che settori di società, giovani soprattutto, rivolgevano alla politica.

 

6 settembre 2019 – Verrocchio, il Maestro di Leonardo da Vinci

Venerdì 6 settembre 2019, alle ore 17:00

presso la sala delle Adunanze della Misericordia di Empoli (Via Cavour, 34 – 35)

 si terrà la conferenza di Andrea De Marchi

 Verrocchio, il Maestro di Leonardo da Vinci 

La mostra Verrocchio, il maestro di Leonardo presenta per la prima volta a Palazzo Strozzi, con una sezione speciale al Museo Nazionale del Bargello, straordinari capolavori di Andrea del Verrocchio, a confronto serrato con opere capitali di precursori, artisti a lui contemporanei e discepoli, come Desiderio da Settignano, Domenico del Ghirlandaio, Sandro Botticelli, Pietro Perugino, Bartolomeo della Gatta, Lorenzo di Credi e Leonardo da Vinci.

Nel 2019 si celebra il cinquecentesimo anniversario della morte di Leonardo, il suo più grande allievo, e l’esposizione di Palazzo Strozzi e del Museo Nazionale del Bargello si offre come uno dei più importanti eventi a livello internazionale nell’ambito delle celebrazioni leonardiane.

 

 

 

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén